La percentuale di grassi totali delle calorie e il grasso totale non sembrano fare molta differenza

La percentuale di grassi totali delle calorie e il grasso totale non sembrano fare molta differenza

ScienceDaily)" target ="_blank" titolo ="Condividi questo articolo su Facebook"> ScienceDaily)&source = MedPage% 20Today" target ="_blank" titolo ="condivisione linkedin"> Scientific American)" target ="_blank" titolo ="Condividi questo articolo su Facebook"> Scientific American)&source = MedPage% 20Today" target ="_blank" titolo ="condivisione linkedin">

Cosiddetto "paleo" le diete – frutta e verdura fresca, noci, carne nutrita con erba e simili – hanno preso piede con l’idea che i corpi delle persone non si sono evoluti per gestire tutti gli alimenti industriali ora disponibili. Sebbene tali diete abbiano certamente i loro benefici, un saggio pubblicato lunedì su Scientific American dal paleoantropologo Peter Ungar sostiene che le attuali diete paleo potrebbero non avere molto a che fare con ciò che i veri paleo-umani mangiavano.

I cereali, scrive, erano alimenti di base per alcune culture molto prima dell’addomesticamento, scrive, e in qualsiasi momento le diete variavano notevolmente in tutto il mondo. Una cultura non mangiava altro che animali marini mentre un’altra riceveva il 70% delle sue calorie dai meloni. Inoltre, con il cambiamento del clima e delle condizioni, è cambiata anche la dieta umana.

Semmai, conclude, la flessibilità alimentare è il segno distintivo dell’umanità.

Scientific American)" target ="_blank" titolo ="Condividi questo articolo su Facebook"> Scientific American)&source = MedPage% 20Today" target ="_blank" titolo ="condivisione linkedin">

Il dibattito sul burro è divampato lo scorso anno, con rapporti contrastanti sul fatto che la roba sia malsana. In questo esclusivo video MedPage Today, Walter C. Willett, MD, DrPH, di Harvard T.H. Chan School of Public Health di Boston, affronta la confusione circostante, sottolineando la questione chiave dei comparatori. Sebbene il consumo occasionale di burro sia consentito, sostiene che ci sono grassi più sani (come gli oli di oliva e di soia) che migliorano le possibilità dei pazienti di mantenere la salute a lungo termine.

Di seguito è riportata una trascrizione delle sue osservazioni:

C’è stata molta confusione sul ruolo del burro in una dieta, e probabilmente la ragione più importante di questa confusione è stata l’incapacità di specificare a cosa il burro viene confrontato. Se si confronta il burro con le vecchie margarine ad alto contenuto transitorio, quasi sicuramente il burro era la scelta più salutare, ma quelle vecchie margarine sono praticamente fuori mercato ora e quasi tutte sono trans free in questo momento.

Se confronti il ​​burro con le calorie dell’amido raffinato e dello zucchero, sarà praticamente un lavaggio. Entrambi avranno impatti negativi sui fattori metabolici e sul rischio di malattie cardiache e diabete. Tuttavia, se confronti il ​​burro https://harmoniqhealth.com/it/erogan/ con gli oli vegetali liquidi come l’olio di soia, l’olio d’oliva, l’olio di canola, praticamente tutti gli oli vegetali liquidi, quegli oli vegetali saranno molto meglio del burro.

Cosa dovrebbe trasmettere un medico ai propri pazienti? È fondamentalmente questa informazione: ogni volta che hai la possibilità di sostituire il burro con qualcosa di più sano, fondamentalmente gli oli vegetali liquidi, questa sarà una scelta migliore, sia per migliorare i lipidi nel sangue sia per ridurre il rischio di malattie cardiache nel diabete di tipo 2.

Ci sono stati alcuni studi che hanno alimentato parte della confusione sul burro. Ad esempio, circa un anno e mezzo fa negli Annals of Internal Medicine c’era una meta-analisi molto importante che sembrava concludere che il tipo di grasso nella dieta non faceva alcuna differenza per quanto riguarda le malattie cardiache.

Tuttavia, quella era una meta-analisi estremamente viziata in più modi. Una cosa, c’erano solo errori eclatanti nell’estrarre i dati dagli studi originali, ma fondamentalmente non erano in grado di fare l’analisi corretta perché stavano cercando di riassumere documenti in cui il confronto per i grassi saturi non era specificato, e è davvero importante che tu stia confrontando i grassi saturi con l’amido o con i grassi trans o con oli vegetali sani che sono per lo più insaturi, questo fa un’enorme differenza e, se non specifichi il confronto, la maggior parte delle calorie nella nostra dieta sono proveniente da amido raffinato, zucchero e carne rossa.

Pertanto, se stai confrontando i grassi saturi con tutte quelle calorie davvero malsane, il grasso saturo non sembrerà così male. Sembrerà più o meno lo stesso. Ma se si confrontano i grassi saturi con oli vegetali sani, l’uso di questi oli vegetali sani ridurrà sicuramente il rischio di malattie cardiache e allo stesso tempo miglioreranno i lipidi nel sangue.

Quando siamo arrivati ​​a esaminare i dati che si sono accumulati nei nostri studi a lungo termine dopo gli ultimi tre o quattro decenni, quello che abbiamo visto è che il tipo di grasso nella dieta è estremamente importante. La percentuale di grassi totali delle calorie e il grasso totale non sembrano fare molta differenza. Quindi vediamo enormi benefici nel sostituire i grassi trans e saturi con oli vegetali insaturi per le malattie cardiache. Ma in alcune delle nostre analisi più recenti, abbiamo visto importanti benefici anche per la mortalità totale, e non derivano solo da malattie cardiache. Proviene anche da molti altri endpoint, tra cui malattie neurologiche, minor rischio di malattie neurologiche con grassi più sani, minor rischio di malattie polmonari croniche e altre condizioni. Quindi rendere prioritari i tipi di grassi sani nella dieta è una delle cose più importanti che le persone possono fare per la loro salute e il loro benessere a lungo termine.

Abbiamo cercato di mettere insieme alcuni degli studi più aggiornati e la letteratura di base sul nostro sito web del Dipartimento di Nutrizione, Nutrition Source. Vai su Google, inserisci Nutrition Source e sarai lì.

I pazienti obesi che stanno cercando di perdere peso devono capire che sono di fronte a una complessa interazione tra i processi neurocomportamentali e un ambiente alimentare saturo, hanno detto i dietisti.

La scienza sta dimostrando sempre più che questa interazione è in gran parte responsabile dell’aumento di peso, secondo Bradley Appelhans, PhD, del Rush University Medical Center di Chicago e colleghi del Journal of the American Dietetic Association.

Sottolineare questa dinamica dietetica può essere più efficace che istruire semplicemente i pazienti a mangiare cibi meno densi di calorie, hanno scritto.

Gli attuali approcci alla consulenza alimentare per l’obesità sono radicati nella scelta personale, hanno spiegato Appelhans e colleghi. I pazienti in genere ricevono informazioni su come le scelte dietetiche influiscono sull’equilibrio energetico e viene detto loro di adattare i loro schemi alimentari.

Quando falliscono, i medici spesso lo attribuiscono alla mancanza di forza di volontà, anche se la massa corporea è ereditabile dal 55% al ​​75%, hanno detto i ricercatori.

Pertanto, spostare l’enfasi da scelte personali sbagliate a sistemi cerebrali che interagiscono con un ambiente alimentare “tossico” può migliorare i risultati riducendo lo stigma, hanno detto Appelhans e colleghi, e un crescente corpo di prove scientifiche supporta l’idea.

Nello specifico, ci sono tre processi neurocomportamentali all’opera nell’obesità: ricompensa alimentare, controllo inibitorio e sconto del tempo.

Nella ricompensa del cibo, gli stessi processi neurali attivi nel sesso, nel gioco d’azzardo e nell’abuso di sostanze sono all’opera, hanno detto gli scienziati. L’elaborazione avviene nel sistema mesolimbico, invocando sia la motivazione che il piacere.

Il piacere del mangiare è legato alla neurotrasmissione degli oppioidi nel nucleo accumbens, mentre l’aspetto motivazionale è mediato dalle vie della dopamina.

La motivazione può svolgere un ruolo più importante nell’obesità che nel piacere, hanno spiegato i ricercatori, perché i pazienti pesanti riferiscono che non traggono più piacere dal cibo gustoso rispetto ai pazienti normopeso.

Nel complesso, la segnalazione mesolimbica smussata può rappresentare una carenza nell’elaborazione della ricompensa neurale per la quale i pazienti compensano consumando troppo cibo appetibile, hanno detto.

Un altro aspetto cruciale dell’obesità è il controllo inibitorio, o il potere di ignorare le voglie che derivano dalla ricompensa del cibo. Questo è stato a lungo considerato il compito centrale di un paziente nella gestione del peso, ma sono emerse prove scientifiche che indicano che questo compito può essere neurobiologicamente impegnativo.

Il controllo inibitorio è mediato dalla corteccia prefrontale, in particolare dalla corteccia prefrontale dorsolaterale, che ha dimostrato di inibire l’influenza della ricompensa sul comportamento.

"Inibire la nostra assunzione di cibo non è semplicemente una questione di ridurre la motivazione a mangiare; implica un controllo attivo del comportamento nonostante una forte motivazione a mangiare," hanno scritto i ricercatori.

Infine, l’attualizzazione del tempo – la tendenza umana a svalutare le ricompense ritardate – spiega perché i pazienti fanno scelte che non sono nel loro migliore interesse a lungo termine.

Il processo è governato dalle stesse regioni del cervello associate alla ricompensa del cibo e al controllo inibitorio, hanno detto Appelhans e colleghi, e la perdita di peso è direttamente in contrasto con essa. Ad esempio, è difficile rinunciare a cibi più appetibili ora, per una salute migliore in futuro, hanno detto.

La crescente letteratura scientifica ha implicazioni per la consulenza, hanno aggiunto Appelhans e colleghi, con due importanti messaggi che medici e dietisti dovrebbero trasmettere ai pazienti:

Spiega che l’obesità è fortemente influenzata da fattori genetici e ambientali. Sottolinea che la perdita di peso può essere ottenuta riducendo al minimo l’impatto dell’ambiente sul comportamento.

Il primo messaggio riconosce che i pazienti stanno lavorando contro le probabilità di vulnerabilità genetica e un potente ambiente alimentare, che normalizza la loro frustrazione; il secondo restituisce un po ‘di controllo ai pazienti.

Le strategie per migliorare l’ambiente del paziente includono la rimozione di cibi cattivi dalla casa e dal posto di lavoro, la riduzione dello stress (che può far andare in tilt il sistema mesolimbico) e la preparazione di cibi sani in anticipo in modo che siano pronti quando la fame inizia.

Per superare lo sconto sul tempo, i pazienti possono compiere piccoli passi che si concentrano su obiettivi di perdita di peso a breve termine, hanno detto i ricercatori.

"Sono stati compiuti progressi sufficienti per consentire ai professionisti della dietetica di passare da un modello di consulenza sull’obesità fondato sulla scelta personale a uno radicato nei processi cerebrali che governano il comportamento alimentare in un ambiente che promuove l’obesità," hanno scritto i ricercatori.

"Anche se questo approccio non è più efficace nel produrre perdita di peso rispetto alle pratiche attuali, è molto meno probabile che susciti la stigmatizzazione del paziente," hanno concluso.